Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1978 numero 2253 (09/05/1978)


Tra il giudizio di divisione della proprietà di un immobile e il giudizio promosso a alcuno dei condomini contro i nudi proprietari per la restituzione del bene stesso e la liquidazione di un'indennità per l'occupazione non sussiste rapporto di continenza, stante la assoluta diversità tra gli oggetti delle rispettive domande, o rapporto di pregiudizialita, considerata - a questo riguardo - la possibilita che normalmente compete ai comproprietari di un bene indiviso di agire in giudizio a tutela del loro diritto di comproprietà, anche ai fini risarcitori, in ragione della quota di partecipazione che a ciascuno di essi spetta sul bene comune ancor prima e indipendentemente dalla divisione del bene in singole quote concrete e dal conseguente scioglimento della comunione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1978 numero 2253 (09/05/1978)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto