Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2007 numero 15953 (17/07/2007)


Nell'ipotesi di figlio minore di età, il comma III dell'articolo 262, demandando, nel caso previsto dal comma II, al giudice la decisione sulla modalità di assunzione del cognome paterno gli conferisce le stesse facoltà di scelta attribuite al figlio maggiorenne. Tali facoltà vanno esercitate nell'esclusivo interesse del minore valutando tutte le circostanze del caso. In caso di attribuzione del cognome del figlio naturale, nella concreta valutazione dell'interesse del minore da parte del giudice ai sensi del III comma dell'articolo 262, il disagio che potrebbe derivare dalla sostituzione del suo cognome appare del tutto trascurabile di fronte al vantaggio che lo stesso potrà ricavare in futuro dal fatto di portare, come la grande maggioranza delle persone, il solo cognome paterno, evitando così molestie e curiosità circa le sue vicende personali. Ai sensi dell'articolo 262, comma II, il figlio maggiorenne, la cui filiazione nei confronti del padre sia stata accettata, o riconosciuta successivamente al riconoscimento della madre, può, a sua scelta,assumere o meno il cognome del padre, aggiungendolo o sostituendolo a quello della madre, senza che nessuno dei genitori possa opporsi in alcun modo alla sua scelta.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2007 numero 15953 (17/07/2007)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto