Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2007 numero 15942 (17/07/2007)


Ai fini del giudizio in ordine alla validità delle deliberazioni assunte nel corso della stessa assemblea, le circostanze, o situazioni particolari, impedienti al destinatario di essere tempestivamente informato della convocazione dell'assemblea, possono venire in considerazione unicamente se si risolvono in un caso fortuito o di forza maggiore.Ricorre abuso od eccesso di potere, sotto il profilo della violazione del dovere di buona fede in senso oggettivo o di correttezza, nell'ipotesi in cui una delibera assembleare non trovi alcuna giustificazione nell'interesse della società - per essere il voto ispirato al perseguimento da parte dei soci di maggioranza di un interesse personale antitetico a quello sociale - oppure nell'ipotesi sia essa il risultato di un'intenzionale attività fraudolenta dei medesimi soci, diretta a provocare la lesione dei diritti spettanti ai soci di minoranza, come accade nel caso di una delibera che attribuisca all'amministratore compensi sproporzionati o in misura eccedente i limiti della discrezionalità imprenditoriale.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2007 numero 15942 (17/07/2007)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto