Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Capacità di agire



Mentre la capacità giuridica attiene alla possibilità per il soggetto di svolgere il rapporto, la capacità di agire nota1 attiene più strettamente al compimento dell'attività.

Essa infatti consiste nella capacità del soggetto di compiere personalmente l'atto (art. 2 cod. civ. ).

Al difetto di capacità giuridica non v'è rimedio. Al difetto (assoluto) di capacità di agire si supplisce con la rappresentanza legale. Non è in dubbio la possibilità che il soggetto assuma la qualità di parte del rapporto, divenendo titolare delle situazioni soggettive che ne scaturiscono, bensì che l'atto dedotto nel rapporto sia posto in essere autonomamente, oppure per il tramite di un altro soggetto in virtù di una qualifica particolare.

Regola generale è che la capacità di agire si raggiunge, in un soggetto non affetto da patologie mentali, con la maggiore età.

Il concetto stesso di capacità di agire è strettamente correlato con un'attività di rango negoziale o comunque nella quale la volizione del soggetto svolge un aspetto determinante.

Per quanto attiene alle attività giuridiche qualificabili come meri fatti, nei quali ciò che conta è la semplice materialità del comportamento, senza che abbia rilievo la volontarietà neppure in ordine alla semplice condotta, sembrerebbe non importare neppure la capacità naturale (invenzione, unioni, commistione).

Chiunque pertanto, anche privo della capacità di intendere e di volere, potrà compiere un'attività materiale qualificabile come commistione. Le conseguenze giuridiche si produrranno comunque, in quanto la legge prevede una fattispecie ancorata alla mera sussistenza del fatto.

Note

nota1

Sul concetto in generale di capacità di agire si vedano Falzea, Capacità (teoria generale), in Enc. dir., p. 16; Rescigno, Capacità di agire, in N.mo Dig. it., p. 861; Stanzione, Capacità e minore età nella problematica della persona umana, Camerino, 1975, pp. 137 e ss.
top1

Bibliografia

  • FALZEA, Capacità (teoria gen.), Milano, Enc.dir., VI, 1960
  • RESCIGNO, Capacità di agire, N.sso Dig. it., II
  • STANZIONE, Capacità e minore età nella problematica della persona umana, Camerino, 1975

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Capacità di agire
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Capacità di agire"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto