Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Roma del 2001 (19/07/2001)


La facoltà di recesso riservata dall'art.1671 cod.civ. al committente nel contratto di appalto costituisce strumento di carattere eccezionale nell'ambito dei contratti a prestazioni corrispettive e trova la sua giustificazione nella rilevanza dell'elemento subiettivo di tale tipologia contrattuale. La circostanza che la decisione del recesso sia determinata dalla valutazione, (fondata o meno), proveniente da un terzo (nella fattispecie una banca che aveva negato un mutuo all'appaltatrice) non solo non modifica la legittimità della sfiducia da parte del committente, ma, anzi, la rende obiettivamente rilevante.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Roma del 2001 (19/07/2001)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto