Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Roma del 1980 (14/03/1980)


Qualora le parti di un contratto di mutuo di scopo convengano che le somme erogate all'imprenditore finanziato vengano immediatamente costituite in deposito presso l'ente finanziatore o presso altro depositario a garanzia dell'obbligo di rimborso del mutuo nel caso di risoluzione del contratto, ovvero a garanzia dell'obbligazione di destinare le somme mutuate allo scopo per il quale il finanziamento é concesso, prevedendo inoltre che le somme stesse vadano successivamente svincolate dall'ente finanziatore in base allo stato di realizzazione dell'iniziativa finanziata, e quindi in esecuzione di tali pattuizioni l'ente finanziatore impartisca ad una banca l'ordine di accreditare la somma in apposito conto corrente a nome dell'imprenditore finanziato con vincolo a proprio favore, richiamando quelle stesse pattuizioni nell'ordine di accreditamento, si deve ritenere che il suddetto vincolo posto dall'ente finanziatore adempia ad una funzione di garanzia e si risolva in una forma di autotutela convenzionalmente conferita al medesimo ente. In particolare si deve affermare che il vincolo, consentendo all'ente finanziatore di autorizzare o negare i pagamenti in favore dell'imprenditore intestatario del conto corrente, condiziona il sorgere stesso del credito ed in definitiva l'identificazione del soggetto a cui spetta il pagamento, da parte della banca depositaria, delle somme giacenti in deposito.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Roma del 1980 (14/03/1980)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto