Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Requisiti di efficacia legali e volontari



Relativamente ai requisiti di efficacia dell'atto negoziale è praticabile una prima e più rilevante differenza tra requisiti legali, cioè previsti dalla legge come necessari e indefettibili e requisiti volontari, vale a dire liberamente apponibili dalle parti.

Questa libertà di inserimento corrisponde, in buona approssimazione, alla caratteristica della accidentalità, locuzione per il cui tramite si è soliti qualificare le clausole che conferiscono rilevanza a dette pattuizioninota1 .

Appartengono al novero dei requisiti legali di efficacia i c.d. presupposti legali di efficacia, nel cui novero si è soliti comprendere le autorizzazioni tutorie (si pensi alle ipotesi in cui è indispensabile ai fini dell'atto munirsi dell'autorizzazione del giudice tutelare per l'acquisto di beni, la riscossione di capitali, l'accettazione di eredità, etc., da parte del tutore) e le c.d. condiciones iuris (quali l'omologazione etc.)nota2.

Devono comprendersi invece nella categoria dei requisiti volontari gli elementi accidentali che si identificano nella condizione, nel termine e nel modo nonché il c.d. presupposto (volontario di efficacia) e la presupposizione.

Anche questi ultimi non possono essere considerati elementi costitutivi, dunque essenziali, dell'atto: si tratta di clausole la cui operatività si svolge sul piano degli effetti del negozio e non su quello dell'esistenza del medesimo.

Note

nota1

Cfr.Betti, Teoria generale del negozio giuridico, Napoli, 1994, p.502 il quale rileva che il carattere accidentale si giustifica con l'estraneità di dette clausole rispetto alla struttura essenziale di una fattispecie negoziale tipica, anche se ciò non impedisce che le stesse assumano carattere essenziale rispetto al negozio concreto (posto in essere dalle parti) in cui vengono concretamente ad inserirsi.
top1

nota2

Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.271.
top2

Bibliografia

  • BETTI, Teoria generale del negozio giuridico, Napoli, 1994

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Requisiti di efficacia legali e volontari
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Requisiti di efficacia legali e volontari"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto