Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Le parti nella donazione: donante e donatario


Donante e donatario sono parti necessarie dell'atto di liberalità. I nodi problematici che al proposito si pongono riguardano per lo più la figura di quest'ultimo. Il difetto di capacità di agire (ciò che rende indispensabile l'adozione di provvedimenti tutori da parte dell'autorità competente), la peculiare struttura soggettiva dell'ente (che, con riferimento ad una normativa ormai abrogata, vedeva la necessaria espressione di specifiche autorizzazioni in ordine all'acquizione del diritto donato), l'eventuale sussistenza dell'accrescimento, sono tutti aspetti che dovranno essere oggetto di attenta disamina.

Non è detto, comunque, che la posizione del donante sia scevra di elementi problematici. E' stato posta, al riguardo, la questione della capacità giuridica di porre in essere atti a titolo liberale da parte di enti che, per propria natura, non sembrerebbero abilitati a compiere istituzionalmente se non attività funzionali a perseguire finalità incompatibili (apparentemente) rispetto a quel depauperamento che si produce in conseguenza di un atto donativo.

Prassi collegate

  • Quesito n. 240-2014/A, Inghilterra – volontaria giurisdizione: donazione di denaro dal genitore al figlio minore
  • Quesito n. 60-2011/C, Atto di donazione da parte dell’istituto diocesano per il sostentamento del clero

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Le parti nella donazione: donante e donatario
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Le parti nella donazione: donante e donatario"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto