Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L.E.5 – Decorrenza del termine di cui all’art. 2505, comma 3, cc


Massima

1° pubbl. 9/09

Si ritiene che il termine di otto giorni concesso ai soci dall’art. 2505, comma 3 cod. civ. per avocare a sé la decisone di fusione, nell’ipotesi ivi prevista, non decorra dal deposito del progetto nel registro imprese, come letteralmente proposto dalla norma, bensì dalla sua successiva iscrizione.
Appare infatti contrario ai principi dell’ordinamento che un termine decorra da un evento non conoscibile.
Quanto sopra si ritiene valido anche nell’ipotesi in cui le disposizioni dell’art. 2505, comma 3 cod. civ. trovino applicazione per effetto del richiamo ad esse operato dall’art. 2505-bis, comma 3 cod. civ..

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

L.E.5 – Decorrenza del termine di cui all’art. 2505, comma 3, cc
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "L.E.5 – Decorrenza del termine di cui all’art. 2505, comma 3, cc"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto