Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Impugnazione del regolamento condominiale



Il regolamento condominiale è impugnabile da ciascun condomino dissenziente rispetto alla deliberazione con la quale esso è stato adottato, a norma degli artt. 1107 e 1138 cod.civ..

A questo proposito occorre ribadire che le norme del regolamento (quando esso non sia stato approvato all'unanimità, assumendo la vincolatività di un vero e proprio contratto) non possono in alcun modo menomare i diritti soggettivi di ciascun condomino quali risultano dagli atti d'acquisto. Si tratta infatti di situazioni soggettive afferenti alle parti di appartenenza esclusiva e non sulle parti comuni dello stabile nota1. Si aggiunga che, all'esito della novellazione dell'art.1138 cod.civ. da parte della Legge 11 dicembre 2012, n. 220, è stato espressamente codificata l'illegittimità di vietare il possesso o la detenzione di animali domestici.

La limitazione dei diritti sulle parti di appartenenza esclusiva può avvenire solamente tramite un regolamento contrattuale nota2 fra il condomino proprietario e gli altri condomini, non potendo formare oggetto del regolamento condominiale in senso tecnico, dunque assunto a maggioranza. Le eventuali disposizioni su tali punti non potrebbero non essere affette da nullità, dunque inefficaci (Cass. Civ. Sez. II, 7630/90 ).

Una volta decorso il termine decadenziale nota3 di trenta giorni di cui all'art.1107 cod.civ. in difetto di azioni di impugnativa il regolamento esplica effetto non soltanto verso tutti i contitolari, bensì anche per gli eredi ed aventi causa dai singoli partecipanti.

Note

nota1

Così Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.586.
top1

nota2

Cfr.Bianca, Diritto civile, vol. VI, Milano, 1999, p.508;Bigliazzi Geri- Breccia-Busnelli-Natoli, Istituzioni di diritto civile, Genova, 1979, p.339.
top2

nota3

Alcuni (tra gli altri Girino, Il condominio negli edifici, in Tratt. dir. priv., diretto da Rescigno, Torino, 1982, p.396) ritengono che tale termine non abbia natura decadenziale, con la conseguenza che ne sarebbe ipotizzabile sia la sospensione, che l'interruzione. Contra Marino, Scozzafava, in Comm. cod. civ., diretto da Cendon, vol. III, Torino, 1997, p.494; Candian, Decadenza e prescrizione, in Temi, 1950, p.11.
top3

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto Civile, Milano, VI, 1999
  • CANDIAN, Decadenza e prescrizione, Temi, 1950
  • GIRINO, Il condominio negli edifici, Torino, Tratt.dir.priv.Rescigno, 1982
  • MARINO SCOZZAFAVA, Torino, Comm.cod.civ.dir. da Cendon, III, 1997

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Impugnazione del regolamento condominiale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Impugnazione del regolamento condominiale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto