Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Estensione della capacità giuridica



Principio generale in tema di capacità giuridica è l'attribuzione della stessa ad un soggetto esistente.
Vi sono tuttavia alcune norme che prevedono la riferibilità di situazioni giuridiche soggettive:

  1. a chi non è ancora nato, pur essendo stato concepito (conceptus);
  2. a chi potrebbe esser concepito da parte di un determinato soggetto (concepturus).

Dalle norme oggetto dell'analisi che segue sembrerebbe ricavarsi il principio di una capacità prenatale, quasi che anche prima della nascita esistesse un'entità dotata di soggettività.

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto civile, Milano, III, 1985
  • CAMPAGNA, Concepimento (diritto civile), Milano, Enc.dir., VIII, 1967
  • CARIOTA FERRARA, Le successioni per causa di morte, Parte generale, Napoli, 1977
  • RESCIGNO, Il danno da procreazione, Riv.dir.civ., 1956
  • SAPORITO, L'accettazione dell'eredità, Padova, Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, I, 1994
  • SCOGNAMIGLIO, La capacità di ricevere per testamento, Padova, Successioni e donazioni, 1994


Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Estensione della capacità giuridica
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Estensione della capacità giuridica"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto