Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Condizioni di operatività delle cause di scioglimento del vincolo sociale limitatamente ad un solo socio




Affinchè l'esclusione di uno dei soci possa essere validamente ed efficacemente deliberata (art. 2287 cod. civ. ) occorre anzitutto che la società possa dirsi ancora operativa. Ne segue l'impossibilità di decidere l'esclusione ogniqualvolta la società già sia sciolta, pur quando la fase della liquidazione non dia stata ancora intrapresa (Cass. Civ. Sez. I, 3982/80 ). Altrettanto si deve dire per quanto riguarda l'ulteriore causa di scioglimento del rapporto sociale limitatamente ad uno solo dei soci che si sostanzia nel recesso. In questa ipotesi si deve verificare se il recesso possa dirsi efficacemente intervenuto in un tempo antecedente agli effetti propri dell'esclusione. E' stato così deciso, sulla scorta della recettizietà della relativa dichiarazione, nel senso della prevalenza del recesso che fosse stato comunicato dal socio in un momento anteriore a quello in cui potesse dirsi divenuta operativa l'esclusione dello stesso (Tribunale di Milano, 07/02/2003 ). In altri termini, nella ricorrenza di più cause di scioglimento del vincolo sociale, bisogna stabilire quale sia per prima divenuta efficace.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Condizioni di operatività delle cause di scioglimento del vincolo sociale limitatamente ad un solo socio
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Condizioni di operatività delle cause di scioglimento del vincolo sociale limitatamente ad un solo socio"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto