Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1995 numero 3669 (28/03/1995)


La non scarsa importanza dell' inadempimento, che, nel giudizio di risoluzione del contratto con prestazioni corrispettive, deve essere verificata anche di ufficio dal giudice, trattandosi di elemento che attiene al fondamento stesso della domanda, deve essere accertata non solo in relazione all' entità oggettiva dell' inadempimento, ma anche con riguardo all' interesse che l' altra parte intende realizzare e sulla base di un criterio, quindi, che consenta di coordinare il giudizio sull' elemento oggettivo della mancata prestazione, nel quadro dell' economia generale del contratto, con gli elementi soggettivi e che, conseguentemente, investa, specie nei casi di inadempimento parziale, anche le modalità e le circostanze del concreto svolgimento del rapporto, per valutare se l' inadempimento in concreto accertato abbia comportato una notevole alterazione dell' equilibrio e della complessiva economia del contratto, e l' interesse dell' altra parte, quale è desumibile anche dal comportamento di questa, all' esatto adempimento nel termine stabilito. Ne consegue che, nel caso di inadempimento parziale, il giudizio della non scarsa importanza dell' inadempimento non può essere affidato solo alla rilevata entità della prestazione inadempiuta, rispetto al valore complessivo della prestazione, costituendo questa soltanto uno degli elementi di valutazione.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1995 numero 3669 (28/03/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto