Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1995 numero 2340 (01/03/1995)


Il patto che, nel caso di nullità di un contratto di cessione di beni immobili, per il venir meno della sua causa, ne prevede la conservazione degli effetti reali, previo pagamento del prezzo, da luogo non ad una inammissibile convalida di un negozio nullo ma ad un distinto contratto sospensivamente condizionato alla invalidità del primo in modo che, venendo a mancare la causa di questo contratto, ne tenga fermo l'effetto traslativo riconducendolo al pagamento del prezzo. (Nella specie, in un contratto di cessione, ad un Comune, di alcuni beni immobili per il pagamento di sanzioni da questo inflitte in base alla legge sulla edificabilità dei suoli, era previsto che, nel caso in cui fosse venuta a mancare la causa della cessione, il Comune avrebbe conservato la proprietà degli immobili pagandone il prezzo).

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1995 numero 2340 (01/03/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto