Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1992 numero 6294 (26/05/1992)


Ricorrendo l'ipotesi della culpa in contrahendo prevista dall'art. 1338 Codice civile che sanziona il comportamento illecito di uno dei contraenti che, conoscendo l'esistenza di una causa di invalidità del contratto, non ne ha dato notizia all'altra parte, il danno risarcibile é limitato al cosiddetto interesse negativo, consistente non solo nelle spese a cui questa si sia ragionevolmente, sobbarcata in vista della conclusione del contratto, ma pure nel danno derivante dal fatto di avere perduto l'occasione reale di concludere con altri lo stesso contratto andato a monte.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1992 numero 6294 (26/05/1992)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto