Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1988 numero 3466 (19/05/1988)


La prelazione convenzionale, analogamente a quella legale, non ha natura reale, ma obbligatoria e, non essendo riconducibile alla promessa di stipulare, é insuscettibile di esecuzione coattiva.Pertanto, essendo efficace e vincolante per i soli contraenti e non per i terzi estranei, l'acquisto di questi ultimi dal promittente la prelazione, inadempiente al relativo patto, non é soggetto a caducazione a seguito della pretesa di riscatto esercitata dal promissario della prelazione, che é titolare soltanto dell'azione personale risarcitoria nei confronti dell'inadempiente.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1988 numero 3466 (19/05/1988)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto