Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1987 numero 6071 (11/07/1987)


L'art. 100, comma 4, disp. att., Codice civile, che esclude (fino all'attuazione del registro delle imprese) che gli imprenditori individuali siano soggetti a registrazione, non postula anche l’inapplicabilità, nei loro confronti, del comma primo, dell'art. 2556, Codice civile, che richiede ad probationem l'atto scritto per i trasferimenti della proprietà o del godimento di un'azienda relativa ad un'impresa soggetta a registrazione (esclusi i piccoli imprenditori, a norma dell'art. 2202, Codice civile).L'art. 2556, comma 1, Codice civile, ove prescrive la forma scritta ad probationem per i contratti aventi per oggetto il trasferimento della proprietà o del godimento di azienda, opera solo con riguardo alle parti contraenti e non é applicabile ai terzi, da parte dei quali la prova del trasferimento dell'azienda non é soggetta ad alcun limite (e, quindi, può essere data anche con testimonianze e presunzioni).

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1987 numero 6071 (11/07/1987)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto