Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1985 numero 4106 (10/07/1985)


Affinché‚ un negozio possa essere considerato transattivo, é necessario, da un lato, che esso abbia ad oggetto una res dubia, e cioè cada su un rapporto giuridico avente, almeno nell'opinione delle parti, carattere di incertezza e, dall'altro, che nell'intento di far cessare la situazione di dubbio venutasi a creare tra loro, i contraenti si facciano reciproche concessioni, nel senso che l'uno sacrifichi qualcuna delle sue pretese in favore dell'altro, indipendentemente da qualsiasi rapporto di equivalenza fra datum e retentum; l'accertamento della natura transattiva di un determinato negozio, compiuto dal giudice del merito nel rispetto dei canoni di ermeneutica contrattuale e sorretto da motivazione immune da vizi, si risolve in una valutazione di fatto incensurabile in sede di legittimità.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1985 numero 4106 (10/07/1985)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto