Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1984 numero 6625 (18/12/1984)


Qualora l'apparente rappresentato abbia ingenerato nel terzo, mediante il proprio comportamento di tolleranza, la convinzione non colposa della sussistenza del rapporto di rappresentanza, trova applicazione il principio dell'apparenza del diritto e l'apparente rappresentato é tenuto a far fronte agli obblighi assunti a suo nome; l'accertamento idoneità del detto comportamento ad ingenerare l'affidamento del terzo si risolve in un accertamento di fatto, non sindacabile in sede di legittimità, se adeguatamente e correttamente motivato.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1984 numero 6625 (18/12/1984)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto