Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile del 1980 numero 1855 (20/03/1980)


Nell'espromissione la spontaneità dell'assunzione del debito altrui consiste nella mancanza di una delegazione del debitore ma non comporta di necessitá una liberalità da parte dell'espromittente, potendo essa avvenire sia donandi causa che a titolo oneroso, pur se in base ad un rapporto fra il creditore e l'espromittente diverso da quello tra questo e il debitore. Per altro, il carattere oneroso dell'espromissione non é indispensabile ai fini della rivalsa dell'espromittente nei confronti del debitore, giacché‚ questo ultimo, ove non espressamente liberato dal creditore, rimane solidamente obbligato con l'espromittente, che ha pertanto diritto di regresso nei suoi confronti in base alle norme sulle obbligazioni solidali.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile del 1980 numero 1855 (20/03/1980)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto