Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. V del 2015 numero 8760 (30/04/2015)



In presenza di un complesso di negozi giuridici che il Fisco ritenga posti in essere al fine di eludere l'imposta di registro, è necessario che vengano individuati gli aspetti e le particolarità che inducono a far ritenere che le operazioni realizzate siano state meramente elusive e, quindi, prive di reale contenuto economico, diverso dal risparmio d'imposta. Occorre, pertanto, ai fini della riqualificazione dell'atto registrato, che venga rilevato il disegno elusivo, mediante una adeguata disamina delle emblematiche peculiarità e delle modalità di manipolazione e di alterazione degli schemi negoziali classici, nonché la relativa incongruenza, rispetto agli strumenti utilizzabili in una normale logica di mercato, indicando quegli elementi idonei a far ritenere l'assenza, in ciascun negozio, di un apprezzabile interesse economico e, quindi, l'esclusivo o preminente intento di pervenire al risultato finale di eludere il Fisco.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. V del 2015 numero 8760 (30/04/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto