Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1998 numero 4010 (20/04/1998)


E' giuridicamente configurabile la cessione di un'azienda bancaria - complesso di beni per lo svolgimento di un'attività di impresa subordinata ad autorizzazione e non a concessione amministrativa - e la stessa deve ritenersi effettivamente sussistente, con la conseguente applicabilità dell'art. 2112 cod. civ., anche in caso di cessione frazionata delle varie componenti dell'azienda, se la complessiva considerazione delle relative operazioni sveli il loro collegamento funzionale, ed eventualmente l'intento fraudolento delle adottate modalità, volte ad impedire gli effetti del trasferimento d'azienda sui rapporti di lavoro. (Fattispecie relativa alla liquidazione coatta amministrativa della Banca popolare Santa Maria Assunta di Castelgrande, al conseguente subentro del Monte dei Paschi di Siena nell'utilizzazione dei suoi sportelli e poi all'acquisto da parte di quest'ultimo di tutti gli elementi attivi e passivi del patrimonio della banca in liquidazione; la S.C. ha annullato la sentenza impugnata per omesso esame della "causa petendi" basata sul collegamento e sullo scopo complessivo dei negozi messi in atto).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1998 numero 4010 (20/04/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto