Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1986 numero 6029 (14/10/1986)


Quando occorra procedere alla liquidazione di un danno futuro non determinabile con assoluta precisione, il giudice, relativamente al lucro cessante, deve attenersi a calcoli di probabilità da compiersi, a norma dell'art.. 2056 cod. civ., con equo apprezzamento delle circostanze del caso, compresa, in ipotesi di morte del congiunto, l'accertata probabilità di sovvenzioni durevoli e costanti di cui i superstiti avrebbero beneficiato in difetto dell'evento lesivo, e tenendo conto - quale parametro orientativo per la determinazione dei guadagni futuri che la vittima, in relazione all'età e alle condizioni socio-economiche, avrebbe potuto conseguire dal suo lavoro - dei minimi tabellari stabiliti dalla contrattazione collettiva, nel luogo e nel tempo della morte, per la categoria di lavoratori cui la vittima stessa apparteneva, oltreché della retribuzione da questa percepita al momento del decesso.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1986 numero 6029 (14/10/1986)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto