Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Lavoro del 1986 numero 3353 (20/05/1986)


Il criterio in base al quale sono risarcibili i danni conseguiti in via diretta ed immediata dall' inadempimento deve intendersi, ai fini della sussistenza del nesso di causalità, in modo da comprendere nel risarcimento i danni indiretti e mediati, che si presentino come effetto normale dell' inadempimento, secondo il principio della cosiddetta regolarità causale. In conseguenza, mentre sono da escludere i danni verificatisi per l' intervento di cause e circostanze estranee al comportamento dell' obbligato, vi rientrano, invece, gli altri, quando, pur non producendo il fatto di per sè quel determinato evento, abbia tuttavia prodotto uno stato di cose tali che senza di esso non si sarebbe verificato.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Lavoro del 1986 numero 3353 (20/05/1986)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto