Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1998 numero 5459 (03/06/1998)


La confessione può esser invalidata - e non "revocata", perché gli effetti sostanziali e processuali di essa non sono rimessi alla volontà del dichiarante - soltanto se il confitente dimostra non solo l' inveridicità della dichiarazione, ma anche che la non rispondenza al vero di questa dipende o dall' erronea rappresentazione o percezione del fatto confessato, o dalla coartazione della sua volontà, e non già invece dall' aver erroneamente confidato sull' avveramento di quanto dichiarato consapevolmente in modo inveritiero ( nella specie la Suprema Corte ha escluso la legittimità dell' invalidazione della confessione stragiudiziale del creditore circa l'adempimento del debitore, costituita dalla fattura quietanzata rilasciatagli sapendo che questi non aveva adempiuto, ma sull'indotta aspettativa che avrebbe provveduto di lì a poco, mentre invece non si era fatto più vedere).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1998 numero 5459 (03/06/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto