Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Ambasceria



Con il termine ambasceria si allude all'incarico conferito da un soggetto ad un altro affinchè quest'ultimo vada a riferire altrove una dichiarazione dal contenuto assolutamente predeterminatonota1.

La figura del nuncius differisce pertanto nettamente da quella del rappresentante. Il nuncius è colui che trasmette l'intento altrui senza contribuire alla determinazione del contenuto della dichiarazione, svolgendo la stessa funzione di uno strumento di comunicazione. Per questo motivo anche un soggetto legalmente o naturalmente incapace può fungere da nuncius : è a tal fine sufficiente che il nuncio sia in grado di ripetere quanto oggetto di dichiarazione da parte del sostituitonota2 .

Il rappresentante prende invece parte attiva all'atto che deve compiere. Spesso avrà ricevuto dal rappresentato istruzioni di massima sul contenuto di esso, tuttavia egli esprime una volontà propria, valutando le circostanze e le pattuizioni da inserire nell'atto da perfezionarenota3 .

E' pur vero che la legge prende in considerazione il fatto che il rappresentato possa avere rigidamente predeterminato alcuni elementi dell'atto da compiere (al fine di sindacare la rilevanza dei vizi della volontà): in questi casi sembra lecito concludere che, in relazione a questi soli elementi predeterminati, il sostituto svolga le funzioni di mero nuncius nota4 e non già di procuratore. Pare che ad una siffatta eventualità ci si sia riferiti in giurisprudenza in un caso in cui l'esclusione del conflitto di interessi con il rappresentato è stata desunta non tanto dall'esistenza della preventiva autorizzazione di cui all'art. 1395 cod.civ., quanto dalla predeterminazione di elementi essenziali della negoziazione (Cass. Civ., Sez.II, 6398/11). Altre volte la situazione si presenta perplessa. Cosa dire dell'ipotesi in cui un soggetto abbia a riferire ad un altro, nella veste di venditore, che la di lui proposta è stata accettata dall'acquirente, la cui identità peraltro non venga compiutamente manifestata? Al riguardo è stato deciso nel senso che si tratti di ambasceria e non di rappresentanza (Cass. Civ., Sez. III, 3433/2014).

Il cosiddetto matrimonio per procura (art. 111 cod.civ.) non costituisce, a dispetto dell'espressione usata ("procura") un'ipotesi di rappresentanza: il soggetto che sostituisce colui nei confronti del quale si producono gli effetti del matrimonio è un semplice nuncius nota5.

Note

nota1

Santoro-Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1997, p.275.
top1

nota2

Chianale, La rappresentanza, in I contratti in generale, t.2, a cura di Gabrielli, Torino, 1999, p.1131.
top2

nota3

Così Bianca, Diritto civile, vol.III, Milano, 2000, p.76.
top3

nota4

In questo senso Bigliazzi-Geri, La rappresentanza in generale, in Il contratto in generale, t.6, Torino, 2000, p.5.
top4

nota5

Bigliazzi-Geri, voce Procura, in Enc.dir., vol.XXXVII, Milano, 1987, p.1007.
top5

Bibliografia

  • BIGLIAZZI GERI, Procura, Enc.dir., XXXVI, 1987
  • BIGLIAZZI GERI, Rappresentanza in generale. Il contratto in generale, Torino, Tratt. dir. priv., XIII, 2000
  • CHIANALE, La rappresentanza. , Torino, I contratti in gener., a cura di Gabrielli, 2, 1999
  • SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 2002

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Ambasceria
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Ambasceria"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto