Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Fermo del 2016 (27/09/2016)



Deve essere rigettata l’istanza del socio accomandante volta a ottenere un provvedimento d’urgenza del giudice per l’ispezione dei beni aziendali mancando i requisiti del fumus boni iuris e del periculum in mora laddove manchi la prova che il preteso difetto di conoscenza circa lo stato di conservazione dei beni sociali sia addebitabile alla condotta ostruzionistica del socio accomandatario e non sia stato dimostrato come il comportamento di quest’ultimo possa provocarne l’aggravamento nelle more di un’eventuale controversia nel merito.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Fermo del 2016 (27/09/2016)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto