Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Fermo del 2013 numero 337 (24/08/2013)



Nell’ambito della società in accomandita semplice con un unico socio accomandatario deve ritenersi che la revoca giudiziale della facoltà di amministrare in capo all’unico socio accomandatario costituisca un fattore ostativo del funzionamento di detta compagine, non potendosi procedere alla nomina di un amministratore provvisorio ai sensi dell’art. 2323, comma II, c.c., facoltà prevista per il caso ontologicamente diverso del venire meno dell’accomandatario e non del potere di amministrare, e dovendosi inoltre ritenere che il dissidio tra i soci, benché non annoverato espressamente dall’art. 2272 c.c. tra le cause di scioglimento della società, può risolversi in quella generale contemplata dal n. 2 del cit. art., vale a dire la sopravvenuta impossibilità di conseguire l’oggetto sociale, quando il conflitto tra i soci sia tale da rendere impossibile tale conseguimento, anche qualora si tratti di rapporti tra socio accomandante e socio accomandatario, dovendosi escludere che sia tale soltanto il conflitto causato da gravi inadempienze di uno dei soci, laddove in tal caso i contrasti potrebbero essere piuttosto eliminati attraverso l’estromissione dell’inadempiente a norma dell’art. 2286 c.c..

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Fermo del 2013 numero 337 (24/08/2013)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto