Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Riconoscibilità degli usi civici



Questione di notevole rilevanza, preliminare rispetto ad ogni altra, è quella della ricognizione dell'esistenza dell'uso civico insistente sul terreno.
A questo riguardo si può notare come non esista un sistema di accertamento degli usi civici connotato da ufficialità, se si escludono le pronunzie del Commissario liquidatore nota1 . Non si possono in questo senso stimare sempre utili le elencazioni dei beni appartenenti al demanio comunale tenuti presso i Comuni, dal momento che l'appartenenza al demanio è di per sé neutra quanto all'utilizzo promiscuo.

Migliore esito non è possibile trarre dalle indicazioni relative alle certificazioni catastali che, tra l'altro, posseggono intrinsecamente un'efficacia probatoria relativa. Per questo motivo l'art. 29 della Legge 1766/27 ebbe a prevedere la possibilità di deferire la relativa indagine storica a professionisti specialmente qualificati (Cass. Civ., Sez. II, 22177/2014).

E' d'altronde il caso di sottolineare che l'uso civico, per propria natura, importa l'imprescrittibilità e l'inusucapibilità della terra che ne sia gravata, dal che si desume che non giovano neppure quegli istituti che comunemente pervengono all'adeguamento del diritto alla situazione di fatto.

La prassi ha evidenziato tentativi di rimedio a questa situazione di oggettiva inconoscibilità: ad esempio la regione Lazio ha invitato i Comuni ad annotare sulle certificazioni di destinazione urbanistica l'eventuale esistenza del vincolo nota2 .

E' chiaro tuttavia che non è possibile affidare alla buona volontà o al buon senso delle singole amministrazioni la soluzione del problema, che non può essere risolto se non per il tramite della formazione di un catasto dei terreni soggetti ad uso civico o di appositi archivi tenuti dalla regione, dai comuni o da uffici statali.
Il nodo problematico è destinato ad emergere anche nel corso delle eventuali cause civili, nelle quali il Giudice sia chiamato a pronunziarsi sulla eventuale demanialità del bene (per la delicatezza del tema, che imponga speciali indagini, cfr. Cass. Civ., Sez. II, 4753/2014).

Note

nota1

La cui natura è decisoria, contrariamente all'ordinanza interinale con la quale il Commissario abbia assunto provvedimentidestinati a disciplinare il tempo di durata del processo: cfr. Cass. Civ. Sez. Unite, 298/99 .
top1

nota2

Una circolare del Commissario per gli usi civici del Lazio giunse a sollecitare i Comuni in ordine al rilascio delle certificazioni di destinazione urbanistica dotate di speciale annotazione circa l'esistenza di usi civici.
top2

Prassi collegate

  • Studio n. 372-2015/C, Vincoli di uso civico. Brevi considerazioni a margine di una sentenza


News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Riconoscibilità degli usi civici
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Riconoscibilità degli usi civici"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto