Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

I limiti legali della proprietà posti nell'interesse privato



I limiti posti nell'interesse privato concernono la proprietà immobiliare e regolano i rapporti tra le proprietà vicine (c.d. rapporti di vicinato). Ogni edificio ha ad esempio bisogno di luce e di aria: occorre tuttavia considerare il diritto, potenzialmente confliggente, facente capo al proprietario del fondo vicino a costruire sul proprio suolo. Le disposizioni sui limiti legali mirano appunto a contemperare questi diritti reciproci .

Vedremo a suo luogo la differenza che passa tra questi limiti e le servitù legali: qui giova considerare che la norma che stabilisce limiti legali (per es. quella che dispone la distanza minima tra due edifici) non fa altro che regolare l'esercizio di una facoltà già compresa nel diritto di proprietà e non attribuisce un diritto autonomonota1 .

Dal momento che in facultativis non datur praescriptio le facoltà stesse non sono suscettibili di prescrizione estintiva.

Tuttavia la facoltà che si ricollega al limite legale può estinguersi per rinunzia, perché essa è stabilita nell'interesse particolare di ciascun proprietario nota2 .

Le limitazioni legali del diritto di proprietà costituiscono, dal lato passivo, obbligazioni negative (di non fare) o positive (di fare), di carattere reale (obbligazioni propter rem ) , incombenti sul proprietario come tale: egli, cioè, è obbligato in quanto riveste la qualità di titolare della proprietà della cosa.

Note

nota1

Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p. 487, paragona i limiti legali a veri e propri confini della proprietà, definendoli non oneri, ma punto di equilibrio per una vantaggiosa coesistenza.
top1

nota2

Cfr. Albano, La proprietà fondiaria. Le limitazioni legali della proprietà, in Trattato di diritto privato, diretto da Rescigno, Torino, 1982, p.567, il quale elenca cinque caratteristiche dei limiti legali: la reciprocità, l'immanenza al diritto di proprietà, l'imprescrittibilità per non uso, la rinunciabilità e la mancanza di indennizzo o corrispettivo per il sacrificio sopportato.
top2

Bibliografia

  • ALBANO, La proprietà fondiaria. Le limitazioni legali della proprietà, Torino, Tratt. dir. priv. diretto da Rescigno, vol. 7, t. I, 1982

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

I limiti legali della proprietà posti nell'interesse privato
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "I limiti legali della proprietà posti nell'interesse privato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto