Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Codice Civile art. 2158


MORTE DI UNA DELLE PARTI
1. La mezzadria non si scioglie per la morte del concedente.
2. In caso di morte del mezzadro la mezzadria si scioglie alla fine dell' anno agrario in corso, salvo che tra gli eredi del mezzadro vi sia persona idonea a sostituirlo ed i componenti della famiglia colonica si accordino nel designarla.
3. Se la morte del mezzadro è avvenuta negli ultimi quattro mesi dell' anno agrario, i componenti della famiglia colonica possono chiedere che la mezzadria continui sino alla fine dell' anno successivo, purché assicurino la buona coltivazione del podere. La richiesta deve essere fatta entro due mesi dalla morte del mezzadro, o, se ciò non è possibile, prima dell' inizio del nuovo anno agrario.
4. In tutti i casi, se il podere non è coltivato con la dovuta diligenza, il concedente può fare eseguire a sue spese i lavori necessari, salvo rivalsa mediante prelevamento sui prodotti e sugli utili.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Codice Civile art. 2158"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto