Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 1993 numero 2 (04/01/1993)


Le controversie nascenti dall' esecuzione di contratti di appalto di opere pubbliche, soggetti alla disciplina degli appalti di competenza del Ministero dei Lavori Pubblici, hanno ad oggetto posizioni di diritto soggettivo inerenti a rapporti contrattuali di natura privatistica, nelle quali non hanno alcuna incidenza i poteri discrezionali ed autorelativi della Pubblica Amministrazione, anche quando questa manifesti con apposito procedimento la volontà di recedere dal rapporto, in virtù della facoltà conferitale dall' art. 345 della legge 20 marzo 1865 n. 2248, alleg. F, e senza che la giurisdizione del giudice ordinario sulla sussistenza dei fatti legittimanti a siffatto recesso, che non comporta esplicazione di poteri pubblicistici, possa venir meno per avere l' appaltatore personalmente domandato l' annullamento del detto provvedimento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 1993 numero 2 (04/01/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto