Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Donazione di quota di s.r.l. di valore inferiore alla franchigia


Questo secondo caso è identico, dal punto di vista concettuale, a quello precedente, tuttavia si caratterizza relativamente alla qualificazione del concetto di “cessione” da parte dell’Agenzia, che la conduce a ritenere applicabile alla donazione l’imposta di bollo di euro 45 anziché di euro 15. Si riporta pertanto solo quest’ultima parte del ricorso.

  • * *
- omissis -
Quanto alla richiesta di pagamento della maggior imposta di bollo, si rileva semplicemente che l’art. 1, comma 1 bis1, n. 3, della tariffa allegata al d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 642, stabilisce che è dovuta l’imposta di bollo di euro 15 per gli atti ricevuti da notai portanti “cessione di quote sociali”.
Tale norma è stata introdotta dall’art. 1, comma 1, del .m. 22 febbraio 2007, e prevede, al n. 4, l’imposta di bollo di euro 45 “per tutti gli altri atti”.
Applicare l’imposta di euro 45 alla donazione di quote di s.r.l. significa ritenere che detto atto non rientri nell’ambito del n. 3, cioè non sia una “cessione”.
Giocoforza quindi, nell’interpretazione dell’ufficio, “cessione” è solo quella a titolo oneroso. Ogni ulteriore commento è superfluo.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Donazione di quota di s.r.l. di valore inferiore alla franchigia
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Donazione di quota di s.r.l. di valore inferiore alla franchigia"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto