Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 1995 numero 12523 (05/12/1995)


Nel caso di affidamento dell'appalto di opera pubblica a trattativa privata, la Pubblica Amministrazione agisce iure privatorum in posizione del tutto paritetica con il privato, senza far uso di poteri in qualche modo autoritativi, ponendo in essere una attività negoziale assolutamente libera e svincolata da un qualsiasi schema procedimentale. In siffatta ipotesi, nel procedimento di formazione del contratto, in capo al privato candidato alla sua conclusione, non sono configurabili interessi legittimi, bensì posizioni di diritto soggettivo riconducibili, come a propria fonte, attività negoziale svoltasi tra la P.A. ed il privato e correlate, naturalmente, alle vicende e al grado di sviluppo in concreto assunto da detta attività.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 1995 numero 12523 (05/12/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto