Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 1984 numero 6344 (23/11/1984)


Le disposizioni dello statuto di un partito politico, le quali devolvono ad apposite commissioni le controversie sull'osservanza dello statuto medesimo, al fine del contemperamento dei contrapposti interessi secondo criteri interni di di opportunità e convenienza, integrano un compromesso per arbitrato irrituale o libero, in considerazione della natura negoziale delle disposizioni stesse, correlata alla qualità di associazioni di fatto dei partiti politici, nonché della loro finalità di deferire alle suddette commissioni una manifestazione di volontà sostitutiva di quella dei contendenti, e non una decisione di tipo giurisdizionale in applicazione di norme di diritto o di criteri di equità. Pertanto, nella causa promossa davantial giudice ordinario da un iscritto al partito per denunciare la violazione dello statuto, le questioni attinenti all'inclusione o meno della controversia fra quelle contemplate dalle citate disposizioni non sono deducibili né con ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione, né con ricorso per regolamento di competenza, in quanto non investono le attibuzioni giurisdizionali o la competenza del giudice adito, ma concernono esclusivamente la proponibilità della domanda.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 1984 numero 6344 (23/11/1984)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto