Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. Unite del 1983 numero 1756 (09/03/1983)


L'art. 2096, comma primo, Codice civile, secondo il quale l'assunzione in prova del lavoratore deve risultare da atto scritto, introduce un'ipotesi di forma scritta ad substantiam, riconducibile nella previsione dell'art. 1350, n. 13, Codice civile, in relazione alla esigenza di tutelare l'interesse del lavoratore medesimo al carattere definitivo del rapporto, con la conseguenza che la mancanza di tale forma comporta la nullità della clausola di prova e la definitivitá della costituzione del rapporto di lavoro.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. Unite del 1983 numero 1756 (09/03/1983)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto