Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Vendita di bene conferito nel fondo patrimoniale: necessità del consenso di entrambi i coniugi in difetto dell'espressa deroga di cui all'art.169 cod.civ.. (Tribunale di Milano, 26 giugno 2013)

Se non è stato espressamente consentito nell'atto di costituzione non si possono alienare beni del fondo patrimoniale, se non con il consenso di entrambi i coniugi.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nella fattispecie era stato proposto ricorso per ottenere l'autorizzazione alla vendita di immobile di proprietà esclusiva della moglie soltanto da quest'ultima. La Corte ha osservato come in sede di costituzione del fondo i coniugi avessero permesso l'alienazione dei beni costituenti il fondo di comune accordo, senza cioè derogare rispetto al criterio di cui all'art.169 cod.civ..

Aggiungi un commento