Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Padova, sez. I, sentenza del 16 febbraio 2007. L'iscrizione degli atti societari nel Registro delle imprese implica un controllo meramente amministrativo.

Al Conservatore del Registro delle imprese, prima, e al Giudice del Registro, poi, compete solo la formale verifica della corrispondenza tipologica dell'atto da iscrivere a quello previsto dalla legge, senza alcuna possibilità di accertamento in ordine alla validità negoziale dell'atto, poichè tale controllo potrà essere fatto unicamente in sede giurisdizionale.

Al Conservatore non è neppure consentito il rilievo che l'atto da iscrivere è confermativo di altro precedentemente iscritto, perchè si tratta, pur sempre, di valutazioni sottratte al suo sindacato.

Commento

La Corte di merito viene a precisare i limiti entro i quali può operare il sindacato relativo agli atti da iscriversi nel Registro delle Imprese, sindacato la cui natura amministrativa di semplice controllo è omogenea per il Conservatore e per il Giudice del Registro in sede di reclamo avverso gli eventuali provvedimenti di esclusione del primo.

Aggiungi un commento