Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Terreno sul quale insistono costruzioni. Impossibilità di emanare pronunzia costitutiva ex art. 2932 cod.civ. in carenza di provvedimenti concessori e di certificazione della destinazione urbanistica. (Cass. Civ., Sez. II, ord. n. 18195 del 2 settembre 2020)

In tema di esecuzione specifica dell'obbligo di concludere un contratto preliminare avente ad oggetto un terreno sul quale insistono anche costruzioni, non può essere emanata la sentenza di trasferimento coattivo prevista dall'art. 2932 cod.civ. in assenza, non solo del certificato di destinazione urbanistica del terreno ex art. 30 del D.P.R. n. 380/2001, ma anche della dichiarazione, contenuta nel preliminare, o successivamente prodotta in giudizio, relativa agli estremi del permesso di costruire o del permesso in sanatoria, che costituiscono un requisito richiesto a pena di nullità dall'art. 46 del D.P.R. n. 380/200, ed integrano una condizione dell'azione ex art. 2932 cod.civ., non potendo tale pronuncia realizzare un effetto maggiore e diverso da quello possibile alle parti nei limiti della loro autonomia negoziale.

Commento

(di Daniele Minussi)
Tra i precedenti che si riferiscono alle menzioni di natura urbanistica (ricompresa la produzione della certificazione di destinazione urbanistica) quali condizioni dell'azione si veda, da ultimo, Cass. Civ., Sez. II, 6684/2019.
Giova rammentare che per stipulare il contratto preliminare non occorre che siano riportate le menzioni urbanistiche (tantomeno che sia allegato il certificato di destinazione urbanistica: cfr. Cass. Civ., Sez. II, 19219/11). Tale allegazione e tali menzioni sono invece indispensabili per l'emissione della sentenza costitutiva ex art. 2932 cod.civ. atta a determinare il trasferimento della proprietà del bene immobile (Cass. Civ., Sez. II, 23339/2013). Quello che conta è che tali elementi vengano acquisiti durante il procedimento civile nel tempo che precede l'emissione della sentenza (cfr. Cass. Civ. Sez. Unite, 23825/09 che ha statuito nel senso della possibilità di darne conto anche nel corso del giudizio d'appello).

Aggiungi un commento