Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Servitù di veduta ed onere probatorio in capo a colui che agisce in confessoria servitutis. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 18890 dell’8 settembre 2014)

L'attore che agisce in confessoria servitutis, ai sensi dell'art. 1079 c.c., ha l'onere di provare l'esistenza del relativo diritto, presumendosi la libertà del fondo, che si pretende servente, da pesi e limitazioni. (Nella specie, in applicazione dell'enunciato principio, la S.C. ha affermato che gravasse su colui che vantava la titolarità di una servitù di veduta, costituita per destinazione del padre di famiglia, la prova dell'assenza di inferriate apposte ad un'apertura, in relazione al requisito dell'apparenza e della possibilità di affaccio sul fondo del vicino).

Commento

(di Daniele Minussi)
Il principio posto dalla sentenza in esame, di per se assolutamente banale, non lo è in riferimento alla particolare tipologia del diritto di servitù consistente nella veduta. Come è noto, le vedute (o prospetti) sono quelle aperture che consentono di affacciarsi e guardare di fronte (vedute dirette), obliquamente (vedute oblique), lateralmente (vedute laterali). Il tutto con la precisazione che non può appellarsi tale la mera finestratura non apribile dotata di un vetro opaco. Per di più, se è vero che la servitù di veduta deve essere qualificata come apparente e continua, va dato atto dell'assoluta peculiarità di tale requisito. E' stato infatti deciso che (Cass. Civ., Sez. II, 24401/2014) l''opera idonea e permanente, destinata in modo univoco all'esercizio della servitù deve essere riconoscibile come tale dal fondo sul quale grava il relativo peso ovvero anche soltanto dalla pubblica via, quand'anche dal fondo servente non sia riscontrabile. Ciò premesso, l'onere probatorio incombente su colui che intende agire per il riconoscimento dell'esistenza della servitù, deve dare la prova positiva di un fatto negativo, vale a dire dell'insussistenza di inferriate sull'apertura. Infatti tale assenza consente di qualificare l'apertura come veduta e non già come mera luce.

Aggiungi un commento