Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Responsabilità del notaio e attestazione dell’identità delle parti. Documenti di identità falsi e procura artefatta. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 29321 del 7 dicembre 2017)

L’art. 49 della l. notarile (nel testo fissato dall’art. 1 della l. n. 333/1976) secondo il quale il notaio deve essere certo della identità personale delle parti e può raggiungere tale certezza, anche al momento dell’attestazione, con la valutazione di "tutti gli elementi" atti a formare il suo convincimento, contemplando, in caso contrario, il ricorso a due fidefacienti da lui conosciuti, va interpretato nel senso che il professionista, nell’attestare l’identità personale delle parti, deve trovarsi in uno stato soggettivo di certezza intorno a tale identità, conseguibile, senza la necessaria pregressa conoscenza personale delle parti stesse, attraverso le regole di diligenza, prudenza e perizia professionale e sulla base di qualsiasi elemento astrattamente idoneo a formare tale convincimento, anche di natura presuntiva, purché, in quest'ultimo caso, si tratti di presunzioni gravi, precise e concordanti; l'accertamento relativo è demandato al giudice del merito, il cui giudizio è incensurabile in cassazione se motivato in maniera congrua e logica. (Nella specie, la S.C., in applicazione del principio, ha ritenuto non congruamente motivata la decisione impugnata che aveva ritenuto assolti gli obblighi incombenti in capo al notaio per essersi lo stesso limitato ad esaminare i documenti di identità, facendo affidamento sull’interesse della Banca alla stipula del mutuo e sul significativo rapporto di fiducia tra la medesima e l’acquirente, ed a verificare l’esistenza di una procura speciale a vendere, rivelatasi poi falsa).

Commento

(di Daniele Minussi)
In quale maniera il notaio può raggiungere la certezza relativamente all’identità della persona che si trova innanzi a lui? Se egli non ha una pregressa conoscenza della persona, per non dover reputare di ricorrere all’ausilio dei fidefacienti, deve in ogni caso trovarsi in una situazione di certezza soggettiva fondata sul rispetto di regole di diligenza, perizia e prudenza. Nel caso di specie il notaio aveva stipulato compravendita e mutuo sulla scorta della pressante richiesta della Banca. I documenti di identità delle parti erano stati esaminati dal notaio, ma quello del sedicente procuratore della parte venditrice era falso, artefatta anche la procura. La S.C. ha reputato soltanto apparenti le motivazioni favorevoli al professionista espresse in sede di giudizio di appello: si impone un nuovo giudizio di merito.

Aggiungi un commento