Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Regolamento recante norme in materia di disciplina del prestito vitalizio ipotecario. (DM Ministero dello Sviluppo Economico 22 dicembre 2015, n. 226)

Leggi il testo completo del decreto ministeriale che entrerà in vigore dal 2 marzo 2016.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nonostante il basso gradimento dimostrato nei fatti, il prestito vitalizio ipotecario riceve nuove attenzioni da parte del regolatore.
Il provvedimento normativo individua la documentazione che deve essere consegnata al vitaliziato da parte del finanziatore prima della sottoscrizione del contratto. In aggiunta a quanto la legge già prevede in tema di mutuo ipotecario deve essere predisposto e fornito gratuitamente in via anticipata di non meno di 15 giorni rispetto al perfezionamento del prestito, un prospetto informativo. Esso deve contenere la chiara indicazione dell’importo finanziato, della corrispondente percentuale del valore dell’immobile offerto in garanzia, dell'importo netto dell'erogazione, detratte le imposte e le spese connesse al finanziamento (costi di istruttoria, oneri legati all'esecuzione della perizia di stima, al perfezionamento della polizza assicurative e dell'atto notarile).
Non basta ancora: il rogito deve prevedere l'allegazione di due prospetti intesi a simulare piani di ammortamento, onde meglio illustrare al finanziato la possibile evoluzione del debito nel corso del tempo (con evidenza distinta dell'importo del capitale e di quello degli interessi).
Il primo prospetto mostra l’andamento del debito con l’applicazione del tasso contrattuale del momento in cui viene siglato il contratto, mentre il secondo simula la situazione a partire dal terzo anno in caso di un rialzo dei tassi di interesse di almeno 300 punti base. I due prospetti devono avere un orizzonte temporale pari alla differenza tra 85 e l’età del beneficiario del prestito e comunque non possono avere un durata inferiore ai 15 anni. E' consentita l'allegazione di un solo prospetto soltanto nell'ipotesi in cui il prestito vitalizio ipotecario sia stato previsto a tasso fisso.

Aggiungi un commento