Principio consensualistico e sistema tavolare. (Cass. Civ., Sez. II, ord. n. 29806 del 27 ottobre 2023)

Nel sistema tavolare, la proprietà e gli altri diritti reali su beni immobili si acquistano esclusivamente con l’iscrizione di un titolo idoneo nel libro fondiario, in quanto il consenso legittimamente manifestato dalle parti contraenti è un requisito necessario, ma non sufficiente ai fini dell’acquisto del diritto.

Commento

(di Daniele Minussi)
la pronunzia mette in luce, se mai ve ne fosse stata l'esigenza, la specifica situazione dei territori italiani nei quali vige il sistema dell'intavolazione. A differenza di quanto può dirsi per l'ipotesi regolare, nella quale la pubblicità immobiliare svolge funzione dichiarativa (fungendo da strumento ai fini di dirimere il conflitto tra più aventi causa da un unico dante causa: cfr. art. 2644 cod.civ., che sancisce la prevalenza di colui che per primo trascrive) nel sistema tavolare l'esecuzione dell'intavolazione possiede natura costitutiva. Entro tali limiti può dunque considerarsi derogato il principio generale di cui all'art.1376 cod.civ., in forza del quale l'effetto traslativo segue alla mera manifestazione del consenso negoziale.

Aggiungi un commento