Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Obbligazione risarcitoria a carico del notaio per non aver annotato in margine all’atto di matrimonio il fondo patrimoniale. Dies a quo di decorrenza del termine prescrizionale dell'azione revocatoria. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 5889 del 24 marzo 2016)

Il fondo patrimoniale è una delle convenzioni matrimoniali e la relativa costituzione è soggetta alle disposizioni dell’art. 162 c.c., ivi inclusa quella del comma IV, che ne condiziona l’opponibilità ai terzi all’annotazione del relativo contratto a margine dell’atto di matrimonio; mentre la trascrizione del vincolo per gli immobili, ai sensi dell’art. 2647 c.c., resta degradata a mera pubblicità-notizia e non sopperisce al difetto di annotazione nei registri dello stato civile, che non ammette deroghe o equipollenti, restando irrilevante la conoscenza che i terzi abbiano acquisito altrimenti della costituzione del fondo.
Il notaio che, dopo avere costituito un fondo patrimoniale, ometta di curare la relativa annotazione in margine all’atto di matrimonio, risponde nei confronti dei proprietari dei beni conferiti nel fondo del danno da essi patito in conseguenza dell’inopponibilità del vincolo di destinazione ai creditori, a nulla rilevando che sia stata comunque eseguita la trascrizione dell’atto, giacché quest’ultima non rende la costituzione del fondo patrimoniale opponibile ai terzi quando sia mancata la suddetta annotazione, nemmeno nel caso in cui i terzi ne avessero conoscenza.
L’art. 2903 c.c., laddove stabilisce che l’azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell’atto, deve essere interpretato nel senso che la prescrizione decorre dal giorno in cui dell’atto è stata data pubblicità ai terzi, in quanto solo da quel momento il diritto può essere fatto valere e l’inerzia del titolare protratta nel tempo assume effetto estintivo; e tale momento va individuato, in relazione alla costituzione del fondo patrimoniale, in quello nel quale avviene l’annotazione a margine dell’atto di matrimonio, che è il giorno nel quale l’atto diviene opponibile ai terzi.

Commento

(di Daniele Minussi)
Ancora una pronunzia che si impernia sul deficit pubblicitario della convenzione matrimoniale di costituzione del fondo patrimoniale. E' noto infatti che l'opponibilità della stessa ai terzi non già si consegue sulla scorta della trascrizione quand'anche vi fossero beni immobili, bensì semplicemente per effetto dell'annotazione a margine dell'atto di matrimonio (pertanto con una formalità da eseguirsi nei registri dello stato civile, notoriamente non affollati di visitatori e non consultabili agevolmente online). Ciò precisato, non possono derivarne conseguenze rimarchevoli, con speciale riferimento alla responsabilità professionale del notaio a ministero del quale l'atto venne stipulato e che non provvide se non a trascriverlo presso il sistema di pubblicità immobiliare. Notevoli anche le conclusioni raggiunte dalla S.C. in tema di individuazione del dies a quo di decorrenza del termine prescrizionale quinquennale dell'azione revocatoria: esso è stato infatti individuato nel momento in cui interviene l'annotazione a margine dell'atto di matrimonio e non in quello di esecuzione della formalità di trascrizione.

Aggiungi un commento