Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Non costituisce condizione meramente potestativa la clausola apposta al contratto preliminare che ne subordina gli effetti vincolanti alla concessione del mutuo al promissario acquirente. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 22046 del 11 settembre 2018)

Nel caso in cui le parti subordinino gli effetti di un contratto preliminare di compravendita immobiliare alla condizione consistente nella concessione al promissario acquirente di un mutuo per potere pagare in tutto o in parte il prezzo stabilito, tale condizione è qualificabile come "mista", dipendendo la concessione del mutuo anche dal comportamento del promissario acquirente nell'approntare la pratica.
La mancata erogazione del prestito, però, comporta le conseguenze previste in contratto, senza che rilevi, ai sensi dell'art. 1359 c.c., un eventuale comportamento omissivo del promissario acquirente, sia perché questa disposizione è inapplicabile qualora la parte tenuta condizionatamente ad una data prestazione abbia interesse all'avveramento della condizione (cd. condizione bilaterale), sia perché l'omissione di un'attività in tanto può ritenersi contraria a buona fede e costituire fonte di responsabilità, in quanto essa costituisca oggetto di un obbligo giuridico, e la sussistenza di un siffatto obbligo deve escludersi per l'attività di attuazione dell'elemento potestativo in una condizione mista.

Commento

(di Daniele Minussi)
Quale efficienza possiede la clausola (invero non infrequente nelle negoziazioni) in forza della quale l'efficacia obbligatoria del contratto preliminare di vendita immobiliare viene sottoposta alla condizione sospensiva il cui evento consiste nella concessione di un finanziamento bancario necessario per pagare (in tutto o in parte) il prezzo della vendita? Certamente non costituisce una condizione meramente potestativa il cui evento si pone come condizionale rispetto all'insorgenza degli obblighi della parte (che come tale, condurrebbe ad una valutazione in chiave di nullità ex art. 1355 cod.civ.). Appropriata invece si pone la definizione quale condizione "mista", la cui realizzazione cioè dipende sia dalla condotta della parte del contratto, sia da forse efficienti ad essa estranee.

Aggiungi un commento