Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Nel calcolo della superficie utile per stabilire se un’abitazione è di lusso ai fini del conseguimento delle agevolazioni "prima casa" è da computarsi quella relativa ai vani interni all’abitazione, anche privi di abitabilità. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 12942 del 24 maggio 2013)

Nel calcolo della superficie utile per stabilire se un'abitazione sia di lusso, deve computarsi quella relativa ai vani interni all'abitazione, ancorché privi dell'abitabilità (in questo caso, da intendersi come conformità alle prescrizioni urbanistiche sotto il profilo dell'abitabilità -oggi "agibilità", ai sensi dell'art. 24 del d.P.R. n. 380/2001), in quanto: a) tale requisito, nel senso qui specificato, non è richiamato dal DM 2 agosto 1969; b) quel che unicamente rileva ai fini del computo della superficie utile è l'idoneità di fatto degli ambienti allo svolgimento di attività proprie della vita quotidiana; c) non è possibile alcuna interpretazione che ampli la sfera operativa della disposizione, atteso che le previsioni relative ad agevolazioni o benefici in genere, in materia fiscale e non sono passibili di interpretazione analogica. Consegue che legittimo è il recupero a tassazione ordinaria laddove al superamento della soglia dei 240 metri quadrati indicata dalla legge concorre un seminterrato, per quanto di (asserita) destinazione accessoria rispetto all’immobile.

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia mette a fuoco le modalità di computo della superficie dell'immobile, uno dei criteri alla cui stregua, ai sensi del d.m. 2 agosto 1969, deve essere valutata la natura "di lusso" o meno di un'abitazione. In questo senso non possiede rilevanza alcuna il fatto che i vani oggetto di indagine non abbiano conseguito l'abitabilità (ovvero l'agibilità, secondo l'attuale menzione normativa), una volta che ne sia assodata la natura accessoria. Rimarrebbe invero da valutare se i vani predetti non potessero caso mai essere intesi come "cantine", categoria esclusa dal computo della superficie utile dell'immobile.
Cfr. anche Cass. Civ.. Sez. V 12517/2013 sull'irrilevanza della eventuale abusività di una parte dell'unità immobiliare ai fini del computo della superficie utile dell'abitazione.

Aggiungi un commento