Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Natura personale del diritto di prelazione di cui all’art. 732 cc. (Cass. Civ., Sez. VI, sent. n. 4277 del 16 marzo 2012)

Il diritto di prelazione previsto dall'art. 732 c.c. è inerente alla qualità di coerede e costituisce un diritto personale ed intrasmissibile e non una qualità intrinseca alla quota, o una situazione giuridica autonoma, che possa essere trasferita da sola. Ne consegue che tale diritto di prelazione non può circolare neppure per successione mortis causa, e non spetta, pertanto, all'erede del coerede.

Commento

(di Daniele Minussi)
Interessante puntualizzazione da parte della S.C.: la natura strettamente personale del retratto successorio ne preclude qualsivoglia trasferibilità, quand'anche mortis causa ed a titolo ereditario. Si veda, conforme, Cass.Civ. Sez.II, 11551/92.

Aggiungi un commento