Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Natura ed efficacia della dichiarazione ex art. 179, comma II, cod.civ. in riferimento agli eredi del coniuge dichiarante. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 19513 del 9 novembre 2012)

La dichiarazione di assenso ex art. 179, comma II, c. c. del coniuge formalmente non acquirente, ma partecipante alla stipula dell'atto di acquisto, relativa all'intestazione personale del bene immobile o mobile registrato all'altro coniuge, può assumere natura ricognitiva e portata confessoria - quale fatto sfavorevole al dichiarante e favorevole all'altra parte - sebbene esclusivamente di presupposti di fatto già esistenti, laddove sia controversa, tra i coniugi stessi, l'inclusione del medesimo bene nella comunione legale. Analoga efficacia in favore del coniuge formalmente acquirente non può, invece, attribuirsi ad una tale dichiarazione nel diverso giudizio fra i coeredi di colui che l'aveva resa, terzi rispetto al suddetto atto, in cui si discuta della configurabilità del menzionato acquisto come una donazione indiretta di quello stesso bene in favore del coniuge da ultimo indicato, nonché della sussistenza dei presupposti per il suo conferimento nella massa ereditaria del de cuius.

Commento

(di Daniele Minussi)
La c.d. "rinunzia al coacquisto" continua a far parlare di sè. Con la pronunzia in commento la S.C. consacra definitivamente il pensiero che la dichiarazione resa dal coniuge nell'atto con il quale l'altro coniuge abbia ad acquistare in via esclusiva un bene immobile possieda una valenza meramente probatoria, dovendosi ascrivere all'ambito delle dichiarazioni di scienza dalla portata confessoria.
Nella fattispecie non veniva in considerazione, come invece usualmente accade, la contestazione postuma della rispondenza al vero della predetta dichiarazione da parte del "rinunziante", bensì la valenza della stessa in riferimento alla consistenza del patrimonio fatta valere dagli eredi del dichiarante.
Insomma: confessione inter coniuges, mero elemento probatorio in riferimento ai terzi rispetto all'atto (tali gli eredi del dichiarante).

Aggiungi un commento