Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Le conseguenze del "decreto Balduzzi": la depenalizzazione della responsabilità medica per la c.d. colpa lieve non fa venir meno la responsabilità per illecito aquiliano. (Cass. Civ., Sez. III, sent. n. 4030 del 19 febbraio 2013)

L'art. 3 comma I del D.L. n. 158/2012, conv. in L. n. 189/2012, ha depenalizzato la responsabilità medica in caso di colpa lieve, nel caso in cui l'esercente l'attività sanitaria si sia attenuto a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica. L'esimente penale non elide, però l'illecito civile e resta fermo l'obbligo di cui all'art. 2043 c.c. che è clausola generale del neminem laedere, sia nel diritto positivo, sia con riguardo ai diritti umani inviolabili quale è la salute.
La materia della responsabilità civile segue, tuttavia, le sue regole consolidate e non solo per la responsabilità aquiliana del medico ma anche per quella c.d. contrattuale del medico e della struttura sanitaria, da contatto sociale.

Commento

(di Daniele Minussi)
Come è noto il "Decreto Balduzzi" ha stabilito le linee guida l'osservanza delle quali da parte del medico vale a preservarlo da una responsabilità penale (per la sola colpa lieve) la cui minaccia si era fatta talmente incombente da intimidire il personale medico . Il nodo affrontato dalla rilevante pronunzia è invero cospicuo: è stata infatti stabilita l'irrilevanza del provvedimento normativo in relazione alla eventuale affermazione della responsabilità civile, che rimane disciplinata dalle comuni regole di cui agli artt.1176, 2236, 2043 cod.civ..

Aggiungi un commento