Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La prestazione del notaio è strettamente personale. Ne segue che il notaio sottoposto a sospensione non può svolgere la propria attività surrogato da altri colleghi. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 9041 del 5 maggio 2016)

Ai fini disciplinari, il notaio deve svolgere personalmente tutte le funzioni attribuitegli dall'ordinamento nel ricevimento degli atti, con specifico riguardo all'individuazione della volontà delle parti, incluse le attività preparatorie e le successive, non potendo delegare per intero ai collaboratori tali attività sulla base del loro carattere "routinario" o "seriale". I doveri del notaio di audizione delle parti, di informazione delle stesse, di imparzialità ed equidistanza tra di esse, vanno adempiuti dal professionista sia prima che dopo la stesura dell'atto da leggere alle parti, con la conseguenza che deve escludersi che il notaio possa sistematicamente delegare le suddette attività preparatorie ai propri collaboratori. Sicché integra illecito disciplinare il caso in cui il notaio commetta ad altri l'indagine sulla volontà delle parti e la direzione della compilazione dell'atto; come il comportamento del professionista, che proceda al mero accertamento della volontà delle parti ed alla direzione nella compilazione dell'atto, ma ometta di interessarsi delle attività preparatorie e successive necessarie ad assicurare la serietà e la certezza degli effetti tipici dell'atto e del risultato pratico perseguito.
La prestazione professionale del notaio va, invero, affidata e programmata intuitu personae, connotandosi per la scelta di un determinato soggetto a preferenza di altri, senza mai rimanere, perciò, surrogabile impersonalmente da un'equipe di sostituti e collaboratori tale da rendere indifferente l'esecuzione da parte dell'uno o dell'altro professionista. Il totale esonero del notaio rogante da tutte le attività antecedenti alla stipulazione rende lo stesso mero certificatore di quanto dalle parti dichiarato, sottraendolo all'inderogabile dovere di ricostruirne preventivamente gli intenti negoziali e adeguare gli stessi al testo dell'atto.

Commento

(di Daniele Minussi)
Colpito dalla sanzione disciplinare della sospensione, il pubblico ufficiale aveva pensato bene di rivolgersi ad altri colleghi, i quali l'avevano "surrogato" nell'attività di autenticazione, mentre l'organizzazione dello studio del notaio sospeso aveva continuato a porre in essere l'attività preparatoria e quella di completamento degli adempimenti conseguenti al perfezionamento degli atti negoziali. Tale condotta è stata reputata illegittima anche sotto il profilo della collaborazione dei tre notai "amici", a propria volta colpiti da ulteriori sanzione disciplinare.

Aggiungi un commento